Civico Museo d'Arte Moderna Revoltella
Un’importante galleria d’arte moderna nata dallo sviluppo di un’istituzione fondata nel 1872 per volontà del barone Pasquale Revoltella (1795-1869) che nel suo testamento dispose di lasciare alla città di Trieste il suo palazzo, la sua collezione d’arte e una cospicua rendita che permise di aumentare di anno in anno il patrimonio e costituire in poco tempo una considerevole raccolta d’arte.
via Diaz 27
alt Mostre

Civico Museo d'Arte Moderna Revoltella

Monet e gli Impressionisti in Normandia

Fino al 26 giugno

Un eccezionale corpus di oltre 70 opere racconta il movimento impressionista e i suoi stretti legami con la Normandia. In esposizione tele di Monet, Renoir, Delacroix e Courbet

Civico Museo d'Arte Moderna Revoltella

Attraverso il volto. Autoritratti dalle collezioni del Museo Revoltella

30 giugno - 9 ottobre

La mostra fa parte di un articolato progetto espositivo promosso dall'ERPAC FVG e sviluppato in questi mesi tra Gorizia, Gradisca d’Isonzo e Trieste e incentrato sul tema del ritratto e dell'autoritratto in pittura, dalla metà del Cinquecento ai giorni nostri. Esposti una cinquantina di Autoritratti d'artista, tra cui alcuni del tutto inediti, compresi tra la metà dell'Ottocento e fino alla metà degli anni Settanta del Novecento.

alt Eventi
SAB
9 LUGLIO

Auditorium del Museo Revoltella. Il Teatro Giuseppe Verdi, da sempre simbolo dell’identità culturale italiana della città e al contempo interprete del cosmopolitismo di Trieste, portando alla conoscenza del pubblico le opere dei compositori mitteleuropei, farà da sfondo alla visione – musicale che ci proporrà il Sonas Duo.

Ingresso libero fino ad esaurimento di posti. Prenotazione consigliata: bit.ly/TCV_book

triesteclassica.it

SAB
16 LUGLIO

Se con il termine “visione” si fa riferimento ad un processo di elaborazione di uno stimolo proveniente dall’esterno, è giusto riflettere su che tipo di conseguenze esso possa scaturire nel lavoro creativo di un artista.

Ingresso libero fino ad esaurimento di posti. Prenotazione consigliata: bit.ly/TCV_book
triesteclassica.it